Il finto account

Capita sempre più spesso che qualcuno crei un account “finto”, per gli scopi più disparati, ma attenzione perchè qualora si utilizzi, ad esempio l’immagine di un’altra persona, si può incorrere nel reato di Sostituzione di persona.

Così, almeno, si è espressa la Suprema Corte di Cassazione, intervenendo in un caso in cui erano stati creati un account ed un profilo su un social network, utilizzando abusivamente l’immagine di una persona del tutto inconsapevole, associata ad un nickname di fantasia (cfr. Cass. Pen., V sez., 2014, n. 25774).

Tali condotte sono sempre più ricorrenti, spesso vengono poste in essere con leggerezza, ma se il fine è quello di procurarsi un vantaggio o di recare ad altri un danno si può incappare nel reato di cui all’art. 494 c.p., senza che sia necessario uno scopo economico o illecito.

Ciò che rileva, dal punto di vista penale, è l’induzione in errore, che può dirsi integrata con l’attribuzione di un falso nome, di un falso status, di una falsa qualità giuridica, nonchè, appunto, sostituendo la propria all’altrui persona (per cui è abbastanza elevato il rischio di incorrere nel reato suindicato).

Il consiglio è, come sempre, quello di un utilizzo di Internet e dei Social Network improntato alla massima prudenza e consapevolezza dell’enorme risonanza del mezzo utilizzato.